Il declino della civilta' daunia e l'inizio dell'ellenizzazione: V secolo a.C.

Con l'inizio del V sec. a.C. inizia il declino della civiltà daunia in tutte le sue manifestazioni. L'arrivo degli Etruschi sul versante adriatico della penisola, con la fondazione dello scalo di Spina e l'apertura ai commerci con il mondo greco, provoca una crisi nei rapporti tra Dauni e Liburni, mentre l'espansione osco sannitica sul fronte interno è causa di grande crisi per la gente daunia.

La posizione e la forma degli insediamenti non varia di molto, come anche l'uso del rannicchiamento e i tipi di sepoltura di età arcaica, anche se si diffonde l'uso delle tombe "a grotticella" artificiale, comunissime nelle maggiori necropoli di IV secolo: Salapia, Ascoli Satriano, Canosa, Arpi, San Severo. La grotticella può essere semplice o multipla, con accesso a pozzo o dromos.

Le forme ceramiche sono caratterizzate da un progressivo impoverimento nelle forme e nelle decorazioni. Verso la fine del V-inizio IV secolo a.C. compaiono i primi vasi protoitalioti a figure rosse, provenienti dai centri magnogreci del golfo di Taranto, iniziali manifestazioni dell'ellenizzazione della Daunia.